Blog: http://araldicabarlettana.ilcannocchiale.it

Famiglia Paolillo

Antico e nobilissimo casato di origine Normanna il cui primitivo cognome Paelill, per spontanea trasformazione di linguaggio, è diventato prima Paulillo e infine Paolillo. Nel decorso dei secoli questa nobile famiglia ha alternato vicende di periodi prosperi ad avversi e si è suddivisa in vari rami diramandosi soprattutto nel Napoletano, in Sicilia (Archivio Araldico Cimino di Catania)e in Puglia.

Tra gli uomini più illustri occorre ricordare il comandante Sebastian Paelill, strenuo difensore contro i Turchi sull’isola di Rodi e un altro omonimo avo che nell’impresa di Sicilia, nel 1060, aggiunse alla sua arma rappresentata dal leone normanno una banda con tre stelle d’argento  che simboleggiavano le tre province conquistate della Sicilia.

Due le testimonianze documentali riportate nel Codice Diplomatico Barlettano: la prima, datata 11 agosto 1548, è una scheda del notaio G. de Gelardinis riferita a Thomasio Paulillo, dedito certamente ad importanti operazioni finanziarie, e riguarda l’atto di noleggio di una nave da Barletta per Livorno.

Un’altra citazione documentale riguarda invece un certo Horatius Paulillus che in data 9 agosto 1563 compare come teste nella nomina di un Cantore della Ecclesia S. Marie Majiore de Barolo.

In tempi moderni, grazie all’intraprendenza  imprenditoriale di Francesco Paolillo (1881), nel 1914 venne realizzato in Barletta il “Politeama Cinema Paolillo” uno dei primi cinematografi in muratura in Italia con programmazioni di films muti accompagnati al pianoforte con la musica eseguita dal maestro barlettano Fucilli. Premiato nel 2002 con il “Biglietto d’Oro” come monosala del Sud e delle Isole con il maggior numero di spettatori, è attualmente una multisala accogliente e moderna che continua l’opera di divulgazione della “settima arte”.

La famiglia Paolillo è contraddistinta con la seguente arma: Spaccato, nel 1° d’azzurro al pavone al naturale di prospetto e in maestà, nel 2° d’oro al leone di nero, armato e linguato di rosso, attraversato da una banda di azzurro caricata da tre stelle d’argento.

Alias: di rosso, alla banda d’oro, sostenente un pavone rotante al naturale.

Pubblicato il 9/3/2009 alle 20.38 nella rubrica Barletta, le antiche nobiltà.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web