Blog: http://araldicabarlettana.ilcannocchiale.it

Famiglia Pisani

Nobile famiglia di origine veneziana diramatasi su tutta la penisola italiana. Per ragioni commerciali vari esponenti di questa famiglia si stabilirono in Puglia, tra cui a Molfetta e Barletta. In quest’ultima l’importanza commerciale, già indiscussa in età normanna e sveva, era aumentata considerevolmente durante il regno angioino grazie al suo porto che aveva assunto un ruolo importante per la spedizione di due beni di primaria necessità: il grano, prodotto nella piana del Tavoliere e il sale, proveniente dalle saline di Salpi.
Le prime testimonianze documentali infatti, riferite a un Andreas Pisanus, risalgono al 1303 e 1304 e riguardano proprio esportazioni di grano e cereali da Barletta verso Venezia.
Altre citazioni, risalenti al 1556, riguardano Cesare Pisanus nominato procuratore, mentre altre antiche pergamene attestano che l’illustrissimo Scipione Pisani, nella seconda metà del XVI secolo, era luogotenente del nobilissimo Livio Caracciolo, Regio Secreto e Mastro Portulano de Apulia. Nel Codice Diplomatico Barlettano ci sono due documenti, datati 27 ottobre 1587 e 3 dicembre 1588, che confermano l’importanza svolta in città da questo personaggio.
Nella piazza d’arme del castello di Barletta è tuttora conservata una lastra tombale appartenente a Vanucia, moglie di Marco Pisani, morta il 13 agosto 1343. Sotto l’iscrizione è scolpito anche lo stemma di questa nobile famiglia.

Pubblicato il 14/5/2008 alle 18.1 nella rubrica Barletta, le antiche nobiltà.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web