Blog: http://araldicabarlettana.ilcannocchiale.it

Le presenze a Barletta di Federico II.

Le fonti documentali che attestano la presenza di Federico II a Barletta sono così ripartite: il 22 maggio del 1222; il 25 dicembre 1226 in occasione del S. Natale; nell’estate del 1227; il 26 marzo (Pasqua) e il 15 aprile 1228 in occasione della grande Dieta sulla piazza del castello; nel maggio, giugno, luglio e nell’agosto del 1229; nel 1231; il 26 gennaio 1233; il 25 e 29 gennaio 1235; il 10 ottobre 1242; il 19 ottobre del 1246 in cui avvenne il famoso Colloquium generale.
Da questi documenti si evince anche l’importanza che il castello di Barletta andava assumendo; infatti, secondo un’ipotesi formulata dallo storico barlettano Loffredo, si ritiene probabile che una primitiva fortificazione fosse presente sull’area attuale già intorno alla metà dell’anno 1000 poiché era consuetudine dei Normanni di consolidare le conquiste effettuate munendo di torri e mura le città occupate.
Pur mancando documenti storici utili per valutare l’entità degli interventi costruttivi, è certo l’apporto degli architetti di Federico II con una testimonianza concreta data dalla presenza di un originale corpo di fabbrica a sud est del piazzale d’arme e da due stemmi con l’aquila sveva, simbolo di insegna imperiale, che ci riportano al periodo storico legato alla dinastia sveva.
Le insegne reali sveve presenti nel castello di Barletta sono ben visibili nelle due lunette della parete a destra del piazzale d’arme e nel corpo di fabbrica retrostante.

Pubblicato il 9/5/2007 alle 12.15 nella rubrica Barletta story.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web