.
Annunci online

araldicabarlettana
stemmario


Diario


9 maggio 2007

Ordinanze regie di Federico II per la Città di Barletta.

• Ottobre 1204
Da Palermo, quando aveva appena 9 anni, Federico II in veste di re di Sicilia ratifica all’Ordine dei Teutonici di Barletta il conferimento della chiesa e del monastero di S. Tommaso, unitamente alla concessione delle vigne, di un orto (zona paludi) e di un forno presso la casa di un certo Riccardo Brittoni; inoltre il re donò ai fratelli dell’Ordine una terra del demanio regio ubicata oltre il ponte dell’Ofanto (terram demanii nostri, quae est ultra pontem Aufidi).
• Luglio 1215
Appena incoronato ad Aquisgrana re dei Romani, il sovrano conferma ai Teutonici di Barletta tutte le concessioni che in precedenza erano state rilasciate dal padre Enrico VI.
• 5 febbraio 1222
Grazie all’interessamento adottato dal Gran Maestro Ermann von Saltz, suo fedele consigliere, l’imperatore ratifica la legittimità di alcuni possedimenti dei Cavalieri Teutonici di Barletta sui quali erano sorte gravi controversie.
• 25 aprile 1228: Dieta di Barletta
Federico II convoca nel castello di Barletta nobiltà, clero, dignitari e funzionari di corte per annunciare la VI Crociata, che in seguito sarà soprannominata “Crociata degli Scomunicati” perché all’indomani dell’ennesima scomunica (Gregorio IX nel giorno del Giovedì Santo, Federico era a Barletta, tenne un discorso molto duro in S. Pietro contro l’imperatore).
I delegati convenuti in Barletta erano talmente numerosi da rendere quasi insufficiente, per contenerli, il pur ampio atrio del castello e in tale circostanza l’imperatore impartisce le direttive per la gestione dell’impero nel periodo della sua assenza: il duca di Spoleto, Rinaldo di Urslinger, viene nominato reggente del regno e il conte Adenolfo d’Aquino gran giustiziere di Sicilia.
Federico non trascurò l’ipotesi di poter morire in Terra Santa e perciò fece pubblico testamento nominando il figlio primogenito Enrico (figlio di Costanza d’Aragona), re di Germania e il neonato Corrado (figlio di Jolanda di Brienne), re di Sicilia.




permalink | inviato da il 9/5/2007 alle 12:6 | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Barletta, le antiche nobiltà
Barletta, stemmi
Barletta story
La disfida di Barletta
Profilo editoriale
Barletta, pillole di storia moderna
Le pietre "nobili": gli stemmi presenti a Barletta .

VAI A VEDERE


CERCA