.
Annunci online

araldicabarlettana
stemmario


Diario


7 maggio 2007

Ordinanze regie di Carlo V per la Città di Barletta.

• 30 gennaio 1519
Nell’ambito del potenziamento delle mura di Barletta, con ordinanza del re Carlo V, viene acquistata la casa di Nisio Lavello; sarà demolita per costruire la Porta Nuova al punto di congiungimento della cinta muraria della città; la porta sorgeva tra l’attuale piazza Moro e via Consalvo da Cordova e presso questa porta si pagava la gabella detta passo di Canne.
• 10 maggio 1521
L’imperatore dispone la riforma degli Statuti della municipalità.
L’intervento del sovrano fu reso necessario per sanare il conflitto esploso tra il gruppo dei Nobili (che da tempo egemonizzava la gestione amministrativa e politica della città) e dei Popolari (altoborghesi e nobiltà di toga) che costituivano il Consiglio della Città.
• 30 gennaio 1532
Carlo V, in considerazione delle mutate tecniche di guerra, improntate soprattutto all’uso dell’artiglieria, ordina di fortificare il castello, dandogli l’aspetto attuale con impianto simmetrico e spigoli protetti da quattro grossi bastioni a lancia, secondo il quadro del grande disegno strategico del viceré Pietro da Toledo.




permalink | inviato da il 7/5/2007 alle 22:51 | Versione per la stampa
sfoglia     aprile        luglio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Barletta, le antiche nobiltà
Barletta, stemmi
Barletta story
La disfida di Barletta
Profilo editoriale
Barletta, pillole di storia moderna
Le pietre "nobili": gli stemmi presenti a Barletta .

VAI A VEDERE


CERCA